Editoriali

lavoribuonanotte4

A proposito del canale Buonanotte

SAN SALVO |  Dopo tanto penare dei residenti de Le Nereidi e dei proprietari del vivaio e del campeggio e dopo tante “pennare” da parte della stampa locale, finalmente il canale Buonanotte è stato pulito, perché la Regione Abruzzo

ha concesso 200.000 euro, che ha gestito (o meglio sta gestendo) il comune di San Salvo . Avremmo potuto (dovuto) scrivere: tutto bene che finisce bene. E invece no. Visto che la triste vicenda del canale Buonanotte l’abbiamo seguita dal primo allagamento, ci permettiamo di fare i ficcanasi anche nel corso dei lavori, segnalando (con le foto illustrative) alcune cose strane.

lavoribuonanotte1

L’ ALBERO SECOLARE

Hanno pulito il canale ma hanno lasciato quest’ albero, che sarebbe “SECOLARE”. Ci sembra strano che possa essere cresciuto qualche secolo fa tra il cemento fatto negli anni settanta del novecento. Pur tuttavia sappiano i tecnici e la ditta di pulizia che l'albero, che loro rimuovono adesso sarà probabilmente sradicato dalla velocità dell’acqua ed andrà ad ostruire nuovamente il regolare afflusso al mare.

lavoribuonanotte6

LE CANNE DA TUTELARE

Hanno pulito il canale, ma hanno lasciato le canne, che sarebbero “ambientalisticamente" da tutelare, ma è probabile che le canne facciano da tappo al regolare afflusso dell'acqua al mare

 

lavoribuonanotte2

IL MATERIALE DI RISULTA

Il materiale di risulta (migliaia e migliaia di metri cubi di terra mista a tanto altro) è stato accumulato laddove non è concesso ai frontisti neanche di tagliare l’erba...mhua...

lavoribuonanotte5

IL PONTE DALLE CORTE FONDAMENTA

Ora che è stato pulito il canale da migliaia e miglia di metri cubi di sporcizia sono emerse le fondazioni del ponte della ciclabile, che non poggiano nè sul cemento e nè vanno sotto, sono su circa mezzo metro di terra. Noi non siamo tecnici, però ci sembra possibile che quel terreno possa essere eroso delle acque e che, di conseguenza, il ponte della ciclabile possa abbassarsi...

Ods

P.s. L’ampiezza del canale e la grande mole di materiale di risulta emersa dimostrano che se esso fosse stato pulito sistematicamente non avrebbe causato i danni che abbiamo visto e non ci sarebbero voluti duecentomila euro adesso. Tuttavia, se i comuni di Vasto e San Salvo spenderanno qualche migliaio di euro cadauno all’anno, facendo la manutenzione annuale, probabilmente questo lavoro sarà servito a qualcosa.

Commenti   

+1 #2 Pina Di Francesco 2017-11-14 19:15
Però l'impianto di fitodepurazione a canneto ha sempre garantito foce pura, nonostante le coltivazioni non biologiche del bacino idrico del torrente. Dal Salice in giù, inoltre, l'alveo del torrente è dotato di vasche naturali per la compensazione delle piene, siccome queste però sono antropizzate la piena non si espande ed irrompe contro gli sbarramenti infrastrutturali. Ovviamente la violenza non attutita dal canneto favorirà anche l'erosione.
Ma lo hanno voluto i cittadini e ne saranno soddisfatti.
Citazione
+1 #1 David 2017-11-13 21:27
Non dimentichiamo che il complesso "Le Nereidi" è stato costruito sul demanio.Di che stiamo parlando?
Citazione
Categoria: