Editoriali

11F5D856 199B 4ACF 9193 01699AB933AE

Dalla prima alla terza passando per la seconda

Roberto Arditti, noto editorialista italiano, scrive che l' incompiuta del Mosè (con l' allagamento di Venezia di ieri) e la dichiarazione di Mittal dall' Ilva (con il ritiro da Taranto) sancirebbero la fine della seconda repubblica.
Arditti prende spunto dai contestuali avvi dei due cantieri, datati '94 e '95, in cui il Consiglio superiore dei Lavori pubblici avviò l' iter per il Mose e lo Stato vendette l' Ilva alla famiglia Riva.


Dopo un quarto di secolo, Venezia si allaga ancora e a Taranto ci sono 5.000 esuberi, nonostante si muoia ancora di tumore.
Il giornalista usa questi due vecchi problemi ancora aperti per dimostrare il fallimento della classe politica dell' ultimo venticinquennio: prodiani, berlusconiani, renziani e pentastellati.
Che la seconda repubblica sia fallita siamo tutti d' accordo, come pure che essa sia iniziata nel '94 - '95 con la vittoria di Berlusconi, dopo tangentopoli.
Ma ciò che diverge dall' analisi di Arditti, almeno per chi scrive, è che la seconda repubblica sia finita nel 2013. Ovvero quando Bersani non vince e non perde, perché un fenomeno sociale nuovo, antisistemico e senza l' appoggio dei poteri forti prende tanti voti quanto il partito di sistema: M5S 25,5% e PD 25,4.
È questo inedito ed inaspettato pareggio ad aprire di fatto la terza repubblica, che non a caso viene inaugurata dal Governo Letta, appoggiato da Pd e Pdl insieme.
Con 5 Governi in sei anni, Letta, Renzi, Gentiloni, Conte I e II, siano già nella terza repubblica, che si caratterizza per mettere insieme amici ed avversari: Letta(Enrico) e Berlusconi, Renzi e Alfano, Grillo e Salvini.

Quel che ha realizzato la I Prima repubblica in 48 anni ('46 -' 94) l' abbiamo visto, quel che ha combinato la seconda in 19 l' abbiamo vissuto e quel che sta combinando la terza repubblica in 6 lo stiamo vedendo in questi giorni.

Ods

Categoria: